sì, ok, ma cosa? La privacy per esempio. E' stato appena rilasciato un vademecum (http://194.242.234.211/documents/10160/3844886/Vademecum+marketing+e+privacy+2015.pdf) pieno di consigli inutili ai consumatori per difendersi dalla pubblicità telefonica indesiderata. Sto ancora ridendo... ma con le lacrime. Chi l'ha redatto, evidentemente, non sa cosa accade nella realtà. O forse lo sa, ma ignora che per l'efficacia delle contromisure servirebbe un sistema funzionante. E sappiamo come il vostro paese sia ridotto ad un cumulo di macerie istituzionali che sopravvivono solo perchè ammetterne il default sarebbe molto più deleterio e pericoloso che far finta di nulla. 

Mi ha colpito in particolare, ma è solo un esempio nell'oceano di stupidaggini, questo passaggio:

COSA PUÒ FARE UN UTENTE CHE VIENE CONTATTATO ANCHE SE I SUOI DATI NON SONO SULL’ELENCO TELEFONICO? Se l’utenza non compare negli elenchi ed è quindi “riservata” (come accade per la maggior parte delle utenze di telefonia mobile), l’intestatario non può iscriverla al Registro. Per interrompere ulteriori telefonate, l’utente dovrà quindi esercitare i normali diritti previsti dal Codice della privacy, chiedendo quindi direttamente al promotore che lo ha contattato chi è il titolare del trattamento, come ha avuto i suoi riferimenti ed eventualmente chiederne la cancellazione.

troppo ridere! come se non ci avessimo già provato. Chiedere all'interlocutore chi è il titolare, come ha avuto i miei riferimenti, chiederne la cancellazione... provateci. In risposta, nell'ordine, riceverete queste reazioni:

  • lo spammer riaggancia immediatamente (per poi richiamare puntualmente il giorno dopo)
  • lo spammer ci invita ad iscriverci al registro delle opposizioni
  • lo spammer ci insulta (...pure) 
  • lo spammer insiste per parlare con il titolare  o il responsabile di qualcosa
  • lo spammer non ci dirà mai da dove e per chi chiama, al limite fornisce un nome falso

Ed ancora: È NECESSARIO ISCRIVERSI AL REGISTRO PUBBLICO DELLE OPPOSIZIONI (RPO) ANCHE PER NON RICEVERE CHIAMATE PROMOZIONALI EFFETTUATE CON DISCHI PREREGISTRATI O COMUNQUE SENZA L’INTERVENTO DI UN OPERATORE? No, perché in questi casi chi gestisce le telefonate deve prima aver ottenuto dall’utente un preventivo consenso specifico alla ricezione di messaggi automatizzati.

Maddechè??!?? Quando mai l'operatore chiede permesso per chiamare con i messaggi registrati? Davvero, anche accadesse, un utente autorizzerebbe qualcuno a chiamare con dei messaggi registrati? davero davero?

E poi...la perla finale: Le persone fisiche che subiscono spam o altre attività di marketing indesiderato possono rivolgersi al Garante presentando una SEGNALAZIONE (che può essere inviata via e-mail senza particolari formalità). Se intendono invece esercitare gli specifici diritti riconosciuti dal Codice della privacy (ad esempio diritto di accesso, di aggiornamento dei dati, di opposizione al trattamento), possono rivolgersi al titolare dei dati (cioè la società o altro soggetto che ha inviato il messaggio pubblicitario), anche avvalendosi del modello standard pubblicato sul sito www.garanteprivacy.it In caso di mancato o inidoneo riscontro da parte del titolare dei dati, l’interessato può presentare RICORSO al Garante (seguendo le indicazioni riportate sul sito web dell’Autorità) o rivolgersi all’Autorità giudiziaria ordinaria.

Il consiglio, evidentemente è totally useless. Quelli, i molestatori aizzati dal marketing del profitto a tutti i costi, non si fermano di fronte a nulla, forti del fatto che un eventuale nostra richiesta di intervento dell'autorità preposta a sopprimere i reati, è caratterizzata da costi esorbitanti, tempi biblici ed esito incerto. Solo un malato di mente può infatti in queste condizioni chiedere venga tutelato un proprio diritto, specialmente quando il titolare dei dati è ANONIMO (gli spammer non ce lo comunicano per tutelare la LORO privacy). Per cui... di opuscoli del genere potete produrne a tonnellate o terabyte... alimetando di fatto il senso di presa in giro cui i cittadini loro malgrado sono costretti impotenti a sopportare... e nel frattempo...la rabbia aumenta oltre il tollerabile. Bravi, dovevate giustificare lo stipendio che vi paghiamo? Bravi davvero. 

P.S. La mucca non dà latte. Ripeto: La mucca non dà latte.